Recensione Beal Stinger III

Test corda Beal Stinger III

Hai già provato questo prodotto? La tua opinione è importante!

Voto Totale
4
  • Maneggevolezza
    (5)
  • Durabilità
    (3.5)
  • Prestazione in calata / doppia
    (3)
  • Peso
    (4.5)
Voto Utenti 0 (0 recensioni)

In sintesi

La Beal Stinger III è la corda singola più polivalente della casa francese. Il medio diametro unito all’estrema scorrevolezza la rendono perfetta per lavorare i tiri in falesia, ma al tempo stesso strizza l’occhio alle ormai popolarissime multipitch sportive.

Pro

  • Leggera
  • Maneggevole
  • Polivalente

Contro

  • Troppo elastica

Premessa

Questa non è la prima volta che utilizzo la Stinger III. In passato ho già avuto la versione Golden Dry di questa corda e personalmente la reputo la corda più azzeccata della casa francese per quanto riguarda le intere da falesia. Il peso contenuto rapportato al suo diametro e la grande maneggevolezza sono i principali punti di forza di questo modello. Personalmente l’unico neo che trovo sta nella grande elasticità che caratterizza un po’ tutte le corde Beal, ma qui si parla di gusti personali.

Recensione corda Beal Stinger III

Caratteristiche tecniche della Beal Stinger III

  • Diametro: 9.4 mm
  • Peso: 57g/m
  • Numero di cadute: 7
  • Forza di arresto: 7.5 kN
  • Allungamento dinamico: 37%
  • Allungamento statico: 9.5%
  • Link al produttore
caratteristica tecnica della corda

Modalità di test

Ho scalato con la Stinger III per più di un mese tra le falesie della Valchiavenna, di Arco e, durante un recente viaggio, sul ben più abrasivo e tagliente calcare sardo. Ho utilizzato la corda sia per lavorare tiri, sia per scalare in moulinette.

Magic Pack di Beal

Diciamolo chiaro e tondo, spacchettare una corda è forse uno dei mestieri più infami che ci siano. Finalmente anche Beal (come altre case già stanno facendo da qualche anno) è venuta incontro alle difficoltà di noi scalatori utilizzando il “magic pack”. Per la prima volta ho srotolato la corda direttamente in falesia ed iniziato a scalare senza che si formasse nemmeno un ricciolo.

Srotolare la corda Beal
La comodità del metodo di Beal per srotolare la corda senza farla arricciare

Prime impressioni

Come tutte le corde della Intensive Line, la Stinger III è dotata della tecnologia Unicore (anima e calza fuse insieme). Non solo questa tecnologia rende più sicura e resistente la corda, ma al tempo stesso dona più fluidità nell’utilizzo con i vari assicuratori e nelle moschettonate.

la corda nel Gri Gri
Corda molto scorrevole nel Gri Gri, che va maneggiato con attenzione

Peso e maneggevolezza

La Beal Stinger III non è la corda più leggera della casa francese (vedi Joker e Opera), ma con 57g/m non sarà di sicuro questo il fattore a impedirci di chiudere o meno un tiro.

A darci una mano, invece, sarà l’incredibile scorrevolezza di questa corda che ne rappresenta il vero punto di forza. Per un medio diametro come quello della Stinger, dar corda nel gri gri non è mai stato così facile. E lo stesso vale per le moschettate.

Attenzione a quando si fa sicura, specialmente da “nuova”, la corda tende a “correre” nel Gri gri. Perciò consiglio di utilizzare ai meno esperti un Gri gri Plus o un Matik.

Maneggevolezza nel moschettonaggio
La corda si maneggia molto bene nel moschettonaggio

Durabilità Beal Stinger III

Come detto prima non è la prima Stinger che utilizzo. E sul lifespan della corda non ho nulla su cui obiettare. A differenza di altre corde che con il passare del tempo si irrigidiscono, la Stinger rimane morbida e fluida nell’utilizzo con gli assicuratori. Come tutte le altre, tende a “impelosirsi”, ma dato il suo diametro non crea particolari problemi. In questo mese di test, ho utilizzato la Beal intensamente sia con ripetute cadute sia in moulinette e la corda non presenta alcun segno di usura.

In arrampicata con la corda Beal Stinger

Consigliata per

In conclusione la Beal Stinger III è una valida corda da falesia, performante e al tempo stesso robusta. Ideale per gli scalatori esigenti alla ricerca di un’intera leggera, morbida e capace di sopportare cadute su cadute. Consiglierei di acquistare la versione Golden Dry che assicura alla corda una maggiore longevità.

Tenaya Indalo

Tenaya Indalo

Scarpetta tecnica e polivalente, dal buon supporto, adatta a falesia e boulder.

Lascia una recensione o un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sending

Hai provato il prodotto? Assegna un voto da 1 a 5

Cerca la recensione

Ultime Recensioni

LA NEWSLETTER
Recensioni scritte da appassionati come te!

Iscriviti e riceverai le ultime novità ogni mese comodamente nella tua mail!

Attività a cui sei interessato

Ti potrebbero interessare anche ...

five ten niad lace w
Giacomo

Five Ten Niad Lace W

Scarpette poco asimmetriche e dall’intersuola con buon supporto, per vie lunghe, fessure e micro tacche.

recensione Tenaya Oasi
Giulia

Tenaya Oasi LV

Scarpetta con chiusura veloce e entrata semplice, ottima su pareti verticali e passaggi in aderenza.

wild country movement
Valeria

Wild Country Movement

Imbrago ideale per principianti che vogliono un prodotto polivalente per arrampicata e vie ferrate.

wild country stamina
Umberto

Wild Country Stamina

Zaino da falesia e da palestra super leggero, funzionale e capiente.

La Newsletter

Recensioni scritte da appassionati come te.

Ricevile ogni mese comodamente nella tua mail!